Skip to Content
Incontri – 700 partecipanti alla prima edizione dell’AI Forum
Tecnelab.it

La prima edizione dell’AI Forum  si è conclusa venerdì 12 aprile. L’evento, promosso dall’AIxIA-Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale organizzato in collaborazione con Digital Events , ha visto la presenza sul palco di oltre 40 relatori e la partecipazione di più di 700 persone tra professionisti e rappresentanti d’impresa. Una giornata di grande successo durante la quale sono state illustrate le più concrete soluzioni AI per le imprese e poste le basi per un’intelligente e proficua sinergia tra il mondo della ricerca e quello imprenditoriale.

“Il bilancio positivo di questa prima edizione dell’AI Forum è per noi motivo di orgoglio e soddisfazione”, ha dichiarato Piero Poccianti, Presidente AIxIA. “Oggi abbiamo lanciato un forte messaggio – la necessità per l’intero Paese di edificare un nuovo ponte fra la ricerca e le imprese, ritrovando un linguaggio e una progettualità comuni per realizzare innovazione –, e fornito non solo una bussola per orientarsi, ma anche una mappa ricca di connessioni fra il mondo della ricerca e le imprese. In questo momento di grande entusiasmo per l’Intelligenza Artificiale, crediamo sia fondamentale per le imprese comprendere le reali possibilità e i limiti di questa nuova tecnologia, perché in questo campo non esistono tecnologie a scaffale, ma soluzioni che devono essere affrontate in modalità progettuale di tipo Agile”.

Poccianti ha poi illustrato lo stato dell’arte dell’Intelligenza Artificiale sia in Italia che all’estero, mostrando le dinamiche e gli approcci dei maggiori player internazionali, ovvero Cina, Europa e America. Il pubblico ha accolto poi sul palco Emanuela Girardi, Founder di Pop Ai che, portando i saluti di CLAIRE-Confederation of Laboratories for Artificial Intelligence Research in Europe, l’iniziativa della comunità AI europea che mira a diventare il “CERN” europeo dell’Intelligenza Artificiale, ha annunciato ufficialmente i nominativi di coloro che avranno il compito di rappresentare l’Italia all’interno di CLAIRE. Su indicazione di AIxIA, saranno Giuseppe De Giacomo, Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale dell’Università di Roma “La Sapienza”, presente in platea, e Giuseppe Attardi, Dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa.

Nicola Gatti, Direttore Osservatorio Artificial Intelligence e Docente del Politecnico di Milano, ha commentato invece i dati dell’Osservatorio AI relativi all’attuale penetrazione dell’Intelligenza Artificiale nel mercato italiano, mentre l’Onorevole Stefano Quintarelli, Membro del Gruppo di Esperti ad Alto Livello sull’Intelligenza Artificiale della Commissione Europea, ha presentato non solo le problematiche etiche evidenziate dallo sviluppo delle tecnologie AI, ma anche una proposta per un approccio regolamentare risk-based.

A conclusione di questi primi interventi, il forum è proseguito con due tavole rotonde durante le quali si è affrontato l’impatto dell’AI a livello sia aziendale che sociale. Nella prima tavola rotonda intitolata “Le nuove frontiere dell’AI nelle imprese” si è discusso dei benefici, delle reali possibilità e delle metodologie per l’adozione di soluzioni AI nel tessuto aziendale italiano. Il dibattito ha ospitato sul palco Amedeo Cesta, Dirigente di Ricerca presso il CNR, Rita Cucchiara, Direttore Nazionale dei laboratori CINI AIIS-Artificial Intelligence and Intelligent Systems, e importanti società come ENI, McKinsey & Company, Mastercard e Safilo.

Nella seconda tavola rotonda, dall’evocativo titolo “Un’intelligenza artificiale a misura del cliente”, si sono analizzate invece le sfide e le opportunità di una società sempre più tecnologica e connessa a favore di cittadini e consumatori. Tra gli speaker del panel erano presenti Roberto Liscia, Presidente di Consorzio Netcomm, Davide Guzzi, Presidente di Italo Foundation, e grandi aziende con case history concrete come Intesa San Paolo Innovation Center.

Tra le due tavole rotonde sono saliti sul palco anche QuestIT, Injenia e Reply con tre keynote dedicati rispettivamente all’importanza di un Company BrAIn per migliorare i processi aziendali, alla necessità di una stretta collaborazione tra intelligenza collettiva e intelligenza artificiale per ottimizzare il business e, infine, alle profonde lezioni apprese sull’AI.

Nel pomeriggio, invece, i veri protagonisti sono stati i workshop, volti a indagare ambiti applicativi concreti dell’AI e a illustrare le reali opportunità fornite da questa straordinaria tecnologia. L’AI Forum è stato patrocinato da AICA, CLAIRE, Commissione Europea, Fondazione Bruno Kessler, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino e Università degli Studi di Genova. È stato organizzato in collaborazione con Italo Foundation e con il sostegno di Accenture, Amazon AWS, Intel, McKinsey & Company e Reply. Tra gli sponsor figurano Injenia e QuestIT (Main Sponsor), Celi, Dedagroup, MediaMatic e Orobix.