Salta al contenuto
Ecco quali sono le figure più ricercate
Messaggero Veneto
Dando uno sguardo a livello nazionale, una ricerca condotta da Fpa evidenzia come la presenza universitaria sia fra i fattori che incidono positivamente sullo sviluppo del territorio e lo sviluppo dell'innovazione. Dalla quinta edizione dell'Osservatorio delle competenze digitali - condotto dalle maggiori associazioni Ict in Italia ovvero Aica , AnitecAssinform, Assintel e Assister Italia - emerge che le figure professionali più ricercate nel 2018 sono state, nell'ordine: sviluppatore software, digital consultant e digital media specialist. Inoltre, le maggiori richieste di professionisti con competenze Ict arrivano dal Nord-Ovest (45 per cento), seguito dal Nord-Est (26 per cento). La rete delle Camere di commercio ha invece messo a disposizione delle aziende un test di autovalutazione sulla maturità digitale, dal quale emerge come quasi un'impresa su tre ha realizzato (o ha intenzione di farlo) corsi di formazione 4.0 per il proprio personale. Dal quadro che emerge, le competenze digitali sono sempre più centrali nel mercato del lavoro, dove spesso sono le aziende stesse a intraprendere percorsi di formazione in sinergia con il mondo universitario. Come nel caso di Orizzonte digitale, il programma education sviluppato da Vmware - azienda del settore del software di virtualizzazione - e dalla Conferenza dei rettori delle università italiane (Crui) al fine di formare i talenti del futuro.