Salta al contenuto
A settembre due nuove sfide per i giovani talenti italiani
IlSole24Ore.com

Settembre 2019 è un mese di grande rilevanza per i giovani talenti: ci sono due eventi internazionali; ma soprattutto parte l'edizione 2020 di "I giovani e le scienze".

- Dal 13 al 18 settembre è in programma a Sofia in Bulgaria la 31a finale di Eucys-European union contest for young scientists. Sono attesi 155 studenti da 39 Paesi con un centinaio di progetti. L'Italia compete con 2 ragazze e 3 ragazzi selezionati da Fast.

- Dal 22 al 28 settembre si svolge ad Abu Dhabi Esi Expo sciences international di Milset, dove si confrontano più di 2000 giovani da 69 paesi dei cinque continenti con oltre mille stand. La Giuria Fast ha scelto per rappresentare l'Italia 17 studenti con 7 progetti: Alberto Ricatto e Mattia Scagliola, classe 2000, portano dal Cocito di Alba: "PAX"; Ilaria Serino (2000), Mario Pepe (2001), Marco Pirozzi (2000), Istituto Bosco Lucarelli di Benevento,sono gli autori di "Geoamp-Amplificatore a basso rumore per sismografo (ed altre applicazioni in campo medico)"; il Galilei di Jesi (AN) invia sei finalisti, tutti nati nel 2000, con due proposte. Maria Caliri, Tamara Fontana, Sara Pierdicca, vincitrici anche del riconoscimento della SCI, partecipano con "Lievitazione del pane e rapporto tra i coenzimi NAD+/NADH"; Luca Barigelli, Federico Giancarli, Alessio Petrellini, sono gli autori di "Sughero e composti organici"; dal Belluzzi-Da Vinci di Rimini arrivano Lorenzo Benedettini e Lorenzo Tabarrini, ancora del 2000, vincitori del riconoscimento AICA; portano "Smart School 4.0"; Rebecca Oliaro (2001) e Beatrice Maraglino (2000), del Marconi di Tortona, sono le autrici di "Ossido di zinco.

Si riparte dunque con indimenticabili avventure verso nuovi obiettivi nella scienza, nella ricerca e nelle loro applicazioni!