Salta al contenuto
“Conoscere le persone per potenziarne le competenze”: il progetto Skill Up di Nexi
digital4.biz

Il percorso di mappatura e potenziamento delle skill intrapreso dalla PayTech punta a valorizzare le risorse interne e colmare eventuali gap. Partito dall’IT, coinvolgerà gradualmente il resto dell’azienda con un ruolo cruciale per la formazione. «È uno sguardo al futuro», sottolinea la Head of People Development, Reward and Transformation, Mariagrazia Bizzarri

Si chiama Skill Up il progetto di mappatura e potenziamento delle competenze di Nexi. Nato con l’obiettivo di classificare le hard skill e le soft skill presenti in azienda e individuare le competenze “necessarie” al business sia nell’immediato, sia nei prossimi anni, Skill Up ha coinvolto in prima battuta l’area IT, per poi essere esteso gradualmente anche al resto dell’azienda.

A raccontarci come si è evoluto il progetto è Mariagrazia Bizzarri, Head of People Development, Reward and Transformation di Nexi.

«Con Skill Up abbiamo voluto rivolgere lo sguardo al futuro – ha raccontato la manager -. L’ambito in cui opera Nexi è fortemente innovativo e soggetto a una continua evoluzione. La nostra è una PayTech che offre servizi e infrastrutture per il pagamento digitale per banche, aziende, istituzioni e pubblica amministrazione. Per noi è strategico comprendere come si evolveranno le tecnologie nei prossimi anni, e cosa accadrà nel mondo delle competenze per anticipare i nostri bisogni futuri in termini di figure che non possono mancare in azienda. Questo è ancora più vero se si considera che il nostro ambito è anche estremamente competitivo, il che vuol dire che per rimanere un player di riferimento è necessario avere al nostro interno le risorse chiave».

Maria Grazia Bizzarri

Head of People Development, Reward and Transformation, Nexi

Conoscere le competenze per guardare al futuro
Quando si pensa alle strategie di lungo periodo bisogna osservare in profondità l’organizzazione, come ha ricordato Bizzarri.

«Negli ultimi tre anni Nexi ha portato avanti diverse acquisizioni e assunto persone esterne. A un certo punto ci siamo resi conto che, seppur ci fosse stato un consolidamento dal punto di vista del business, quello che serviva approfondire era la conoscenza delle persone e delle loro competenze. Con una sponsorship forte del nostro CEO abbiamo quindi lanciato il progetto Skill Up e siamo partiti dall’area su cui l’evoluzione delle competenze digitali ha più impatto, quella che ha più bisogno di cambiamento: l’IT. In totale, quindi, in prima battuta abbiamo coinvolto 350 persone. Con il supporto del CIO, abbiamo costituito un gruppo inter-funzionale che ha visto anche la partecipazione di due PM, il capo del business development e il capo della strategy di Nexi, per avere costantemente lo sguardo rivolto al futuro del business».

Con il supporto delle società di consulenza Aica (Associazione italiana per l’informatica ed il calcolo automatico) e Forrester è quindi partito il processo di mappatura delle competenze interne e di quelle di cui l’azienda avrebbe avuto bisogno a tendere.