Formulazione della diagnosi e del percorso terapeutico e assistenziale

Lo sviluppo della diagnosi comporta l’analisi delle informazioni sullo stato di salute del paziente e dei risultati dei test. Il paziente può essere monitorato dal momento della formulazione e registrazione della diagnosi lungo tutto percorso terapeutico; con gli attuali sensori collegati al polso del paziente vien monitorata la temperatura, la frequenza respiratoria, la pressione arteriosa e gli altri parametri. I sensori alimentano le informazioni che registrate nella Cartella Clinica Elettronica ed elaborate per la costruzione di un profilo diagnostico da confrontare con il supporto della intelligenza artificiale con altri casi simili; in caso di evidenziazione di  eventuali problemi, un allarme può informare l'infermiere o il medico un allarme può informare l'infermiere o il medico.

Terapia, trattamento e riabilitazione

Il medico prescrive o somministra farmaci e/o cure mediche specialistiche e affronta il trattamento di disturbi e di malattie dirigendo e coordinando le attività di infermieri, studenti, assistenti, specialisti, terapisti e altro personale medico.

Sono disponibili sistemi esperti medicali che contribuiscono ad aggiornare la diagnosi e il relativo trattamento, semplicemente inserendo una serie di dati sullo stato di salute dei pazienti, rispondendo a una check list di domande.

Sulla base dei dati il sistema genera una diagnosi prioritaria che indica la probabilità di alcune malattie e può raccomandare trattamenti o test di laboratorio aggiuntivi. Il sistema può anche generare domande di follow-up. Gli scanner permettono ai medici di indagare ciò che sta accadendo all'interno del corpo di un paziente, spesso evitando interventi chirurgici invasivi. I segnali provenienti dagli scanner sono raccolti da sensori e immessi in un computer, che elabora i dati e sviluppa output in immagini a colori, anche in 3D, dando una vista dell'interno del corpo del paziente. Sono richieste competenze di comprensione e interpretazione delle immagini, oltre alla conoscenza delle tecniche di conservazione delle immagini stesse. 

Dimissioni, follow up e cura a distanza

Il medico valuta il trattamento somministrato, aggiorna il paziente su quanto indicato/fatto dai diversi specialisti o da altri professionisti quando necessario e infine monitora le condizioni e i progressi dei pazienti e adatta i trattamenti, laddove necessario; fissa infine un appuntamento per la verifica delle condizioni di pazienti qualche tempo dopo le dimissioni. Anche in questa fase è fondamentale la disponibilità di CCE, per documentare la condizione clinica dei pazienti, la diagnosi e il trattamento.

Competenze di innovazione

  • SI1-Cultura e competenze digitali per il lavoro (e4job): libro e materiali formativi per comprendere i concetti alla base delle principali tecnologie digitali utilizzabili per percorsi di trasformazione digitale condivisa

Competenze Professionalizzanti

  • SP1-Privacy in sanità: per approfondire la formazione e la verifica delle competenze nell’applicazione della normativa italiana e del nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali
  • SP2-HealthDoc, riguarda le competenze di base su fonti informative per l’area sanitaria, strumenti e metodologie di ricerca dell’informazione e della documentazione scientifica, valutazione della qualità delle informazioni sanitarie in rete
  • SP3-Informatica giuridica: per le comprendere e utilizzare leggi e normative su Privacy e Sicurezza, Firma Digitale e Posta Elettronica Certificata, eGovernance e amministrazione digitale, gestione documentale e dematerializzazione
  • SP4-Project Management: per comprendere gli elementi di Project Management, saper utilizzare i programmi di gestione progetto, impostare e verificare la pianificazione e il controllo di tempi, costi, attività e risorse, da progetti semplici a progetti complessi (5 livelli di professionalità); in collaborazione con Assirep il modulo EPMQ, indirizzato a tutti coloro che lavorano/lavoreranno per progetti
  • SP5-IT Security: riguarda la necessità di garantire la sicurezza dei dati. Ogni utilizzatore di tecnologie informatiche dovrebbe vigilare sulle minacce alla sicurezza IT quali virus, phishing, hacker, frodi on line e furti d'identità in generale. L'uso di prodotti di sicurezza IT, integrato con adeguate competenze e conoscenze che consentono di identificare e affrontare le minacce alla sicurezza IT, è il modo più efficace per proteggere se stessi e i propri dati 
  • SP6-Qualificazione e Certificazione dei Professionisti ICT (e-CFplus): per la valutazione degli skill degli specialisti ICT a livello aziendale e professionale rispetto allo standard europeo e-CF e pianificazione degli interventi formativi a copertura dei gap rilevati
Mostrati 16 - 20 su 162 risultati.