Salta al contenuto
Il rilancio delle imprese manifatturiere

L’idea di fabbrica sta cambiando. Proprio come il web ha democratizzato l’innovazione dei bit, una nuova classe di tecnologie per la l’innovazione degli atomi” (Chris Anderson)

La Ricerca, condotta da AICA in collaborazione con SDA Bocconi, Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, Prometeia e Net Consulting, mette a fuoco l’evoluzione verso nuove forme della manifattura con la diffusione di tecnologie digitali a costi decrescenti (AM-additive manufacturing, stampanti 3D, assieme agòi sviluppi dei cloud, big data, internet of things).

Il percorso sta determinando nei processi aziendali profondi cambiamenti indotti dal nuovo ciclo progettuale/prototipale/ produttivo basato sulle stampanti 3D e su nuove forme di digital fabrication con una crescente integrazione in rete. Questa mutazione verso la “fabbrica digitale” si è manifestata sinora principalmente nelle grandi imprese, ma è destinata sempre più a coinvolgere le PMI, assieme allo sviluppo di nuove forme di artigianato digitale ed alle nuove espressione di attività di formazione –lavoro costituite dai FabLab e dai movimenti dei Makers.

La ricerca relativa all’Italia è stata suddivisa in tre livelli:

  • Il primo livello, partendo dal basso esamina lo sviluppo dei Makers e dei FabLab per stampa artigianale 3D, un fenomeno che sta crescendo in modo straordinario. Si tratta di piccole iniziative per la formazione e la produzione di oggetti su base volontaristica e con approccio open source.
  • Il secondo livello di analisi riguarda lo sviluppo di centri servizi di AM (additive Manufacturing).
  • Il terzo livello di analisi riguarda le imprese manifatturiere sia medio grandi che PMI.

La ricerca di AICA mette anche in evidenza lo sviluppo di nuove filiere digitali gestite da piattaforme per l’incontro tra designer e artigiani con la possibilità di produrre oggetti in prossimità dei mercati di sbocco grazie al trasferimento dei files in rete e con una forte interazione tra offerta e domanda.

Non vi è dubbio che questo comporta una mutazione forse radicale nei comportamenti del
sistema manifatturiero italiano da parte delle PMI e questo sarà possibile solo affrontando la formazione e la certificazione di competenze professionali adeguate.

Gli approfondimenti sono di facile consultazione scaricando i documenti in f.to pdf sotto elencati