Salta al contenuto
AICA e Free Software

Che lo si chiami Software libero (Free Software) o, come spesso accade, software a codice sorgente aperto (Open Source Software), il fenomeno ha ormai raccolto, nell’ambito dell’industria ICT e della sua utenza, una rilevante diffusione dando una svolta al mercato del software. E creando numerose opportunità imprenditoriali e di lavoro per le nuove generazioni. 

Oggi i prodotti basati sul kernel LINUX sono entrati con successo in molte applicazioni e  servizi informatici, e di comunicazione (si pensi ad ANDROID) in diretta concorrenza con quelli che si appoggiano a sistemi operativi proprietari. 

Anche importanti aziende fornitrici di hardware e software proprietario guardano con interesse a questa prospettiva e sviluppano soluzioni compatibili con LINUX; alcune, addirittura, ne promuovono l’uso, per una migliore gestione dei servizi di manutenzione e aggiornamento. 

Numerose amministrazioni  Pubbliche, Centrali e Locali, Europee, hanno manifestato espliciti orientamenti, nelle loro iniziative di sviluppo e formazione, verso il software libero che, per sua intrinseca natura è riusabile e migliorabile da applicazione ad applicazione. 

Anche il Governo Italiano si è più volte espresso in questa direzione.

AICA, come associazione senza scopo di lucro e con finalità esclusivamente culturali, ha dedicato e sta dedicando grande attenzione al fenomeno del Software libero. 

In particolare, tutte le sue attività di valutazione e certificazione delle abilità e competenze con i programmi europei ECDL ed EUCIP, mettono su un piano di assoluta parità la piattaforma LINUX e quelle proprietarie.

Ciò significa che lasciato al candidato alla certificazione la piena libertà di scegliere la piattaforma (aperta o proprietaria), sulla quale svolgere gli esami. 

La rivista Mondo Digitale, che è il più autorevole periodico oggi disponibile nel campo della divulgazione tecnico scientifica sull’argomento, ha ospitato e continua ad ospitare contributi sul tema del Software libero.

Numerose iniziative sono state inoltre intraprese per diffondere l’utilizzazione presso aziende, Istituti scolastici e Pubbliche Amministrazioni.

Ne ricordiamo alcune:

  • Nelle conferenze e nei convegni nazionali organizzati periodicamente da AICA, quali Didamatica e Congresso Annuale, il tema del software libero è sempre ampiamente trattato.
  • Proprio per il Congresso Annuale di Torino del 2007 AICA ha ospitato in Italia Richard Stallman, fondatore e profeta della Free Software Foundation.
  • Il LIASES (Laboratorio di Informatica Applicata alle Scienze Economiche e Sociali "Giorgio Rota") che collabora con AICA per l’irrogazione di esami di certificazione ECDL in Open Source, promuove da tempo in Piemonte nella Valle d’Aosta la cultura del Software libero presso le scuole e le imprese del territorio. In ambito internazione lo stesso LIASES fornisce la docenza in Software libero all’ILO (International Labour Organisation) agenzia dell’ONU con sede a Torino e dedicata ai problemi del lavoro.
  • Il recente volume, pubblicato dall’editore Pearson, su “ECDL per il Problem Solving”, affianca alle esercitazioni con Software proprietario, quelle con Software libero.
  • In tutti gli accordi e protocolli di intesa con enti e Amministrazioni Pubbliche (Ministeri, Regioni, Uffici Regionali Scolastici, etc.), siglati da AICA, è sempre esplicitata la volontà dell’Associazione di privilegiare le soluzioni aperti rispetto a quelle proprietarie.